Cookie Consent by Free Privacy Policy website Il Team Suzuki Ecstar si prepara per la stagione 2022
febbraio 04, 2022 - Suzuki Moto

Il Team Suzuki Ecstar si prepara per la stagione 2022

cover

Con l’inizio della nuova stagione della MotoGP, il Team Suzuki Ecstar si appresta ad affrontare il 2022 schierando al via Joan Mir e Alex Rins. La GSX-RR dal nuovo look è rinnovata non solo nelle forme ma anche sotto le carene, tutto il team è pronto ed affamato di vittorie.

Il 2021 è stata una sfida difficile, ma l’impegno costante della squadra ha portato a chiudere la stagione passata con Joan Mir nella Top 3. Ora l’obiettivo per il 2022 è molto semplice: ottenere podi, premi e punti.

I due alfieri spagnoli di Suzuki metteranno la nuova GSX-RR alla prova nei prossimi test in programma sulla pista di Sepang e i primi feedback hanno dato a entrambi i piloti una spinta in più che hanno descritto una moto equilibrata e dalle molte qualità, con una grande competitività.

Sia Joan Mir sia Alex Rins hanno trascorso la sosta invernale nel migliore dei modi, alternando giornate di riposo, con duri allenamenti e sessioni in pista. Dopo aver chiuso il campionato in terza posizione lo scorso anno, Joan ha un obiettivo preciso per il 2022: combattere per il primo posto. Alex desidera invece aggiungere una maggior concretezza, alla sua indiscutibile velocità e alle sue prestazioni brillanti.

Per il 2022 la GSX-RR sfoggia una veste grafica inedita, con nuovi inserti neri che aggiungono grinta all’elegante - e ormai familiare - livrea blu e grigio ardesia. Un logo ridisegnato, che abbina stilemi rétro ad altri più moderni ma sempre tipicamente Suzuki, è poi presente sulle divise e sui camion della squadra, oltre che sulle moto e sulle tute dei piloti.

Tutti questi elementi trovano una sintesi perfetta nel nuovo hashtag che fa da slogan per la stagione 2022: #GearingUp, letteralmente “cambiare marcia”. Questa frase è stata pensata per spingere i fan a stare vicino al team che si prepara a vivere un’annata ricca di emozioni e per mettere in chiaro le sue ambizioni, ovvero un miglioramento delle prestazioni e la volontà di affrontare ogni cosa con una marcia in più rispetto al 2021.

I primi test pre-campionato si svolgeranno venerdì 5 e sabato 6 febbraio presso il Sepang International Circuit e dall’11 al 13 febbraio saranno seguiti da tre ulteriori giornate di prove sul Mandalika Circuit in Indonesia, dove il circus del Motomondiale approderà per la prima volta. La stagione della MotoGP si aprirà invece con la prima gara in Qatar, il 6 marzo prossimo.

L’annata 2022 sarà molto impegnativa per tutti, anche perché il mondo intero sta ancora affrontando la pandemia Covid-19. In questo scenario, chi lavora nei paddock si accinge a fronteggiare il campionato più lungo della storia, con ben 21 gare in calendario e il debutto di alcuni nuovi circuiti, come quelli della citata Indonesia e della Finlandia.

Joan Mir -  Pilota del Team Suzuki Ecstar
Mi sono preso un po’ di tempo quest’inverno per rilassarmi e per staccare dopo una stagione 2021 travagliata. Sono stato felice di finire terzo in campionato ma desidero di più, ed è stato importante azzerare tutto in modo che ora io possa concentrarmi al 100% per dare il mio massimo. La mia preparazione pre-campionato è andata bene e io mi sento in forma e pronto ad attaccare. Non vedo l’ora di risalire sulla mia moto; i test che si sono svolti alla fine dello scorso anno hanno mostrato un miglioramento nelle prestazioni che mi ha soddisfatto e ora è il momento di scoprire la nuova livrea e inanellare altri giri prima che la stagione inizi nel giro di circa un mese.”

Alex Rins -  Pilota del Team Suzuki Ecstar
La nuova GSX-RR ha un look meraviglioso e va anche molto bene! Sono davvero felice che si stia avvicinando l’inizio della nuova stagione. Ho fatto molti allenamenti durante la pausa non soltanto in palestra ma anche con la mia GSX-R1000R stradale. Nulla può essere però paragonato alla nostra moto da corsa in pista. È bello ritrovarsi insieme al team, tutti siamo concentrati sullo stesso obiettivo e io ho fiducia in loro, tutti abbiamo dimostrato che siamo pronti a fare grandi cose.  Le giornate di test saranno importanti ma siamo impazienti che ci sia la prima gara in Qatar!”

Shinichi Sahara – Team Suzuki Ecstar Project Leader and Team Director
La sosta invernale è stata piena di impegni, con tanto duro lavoro, sia in Europa sia in Giappone. Tutti sono stati chiamati a compiere un grande sforzo in preparazione a una nuova stagione nella quale noi contiamo di essere più competitivi. Abbiamo tanta fiducia nel nostro progetto, così come nei nostri due piloti, e siamo entusiasti che la stagione stia per iniziare, non solo con i test ma anche con le gare. La nostra GSX-RR sembra straordinaria e con il supporto dei nostri sponsor principali, dei tifosi e di ogni membro del team noi la vogliamo portare sul gradino più alto del podio appena possibile. Durante gli ultimi test a Jerez abbiamo notato che i nuovi componenti hanno un enorme potenziale e i feedback del test rider Sylvain Guintoli, così come quelli di Joan e Alex, sono stati piuttosto positivi. In virtù di ciò abbiamo iniziato la pausa invernale con ottime sensazioni e con il morale alto. Ora vedremo che cosa potremo esprimere in questa emozionante nuova stagione.”

Ken Kawauchi – Team Suzuki Ecstar Technical Manager
Devo iniziare prima di tutto ringraziando l'intera squadra e l’azienda per il lavoro che hanno fatto durante questa breve pausa invernale. La nostra moto 2021 era ben bilanciata e competitiva, ma era importante compiere un grande passo avanti nel 2022 per centrare i nostri obiettivi. Come abbiamo visto, la MotoGP è incredibilmente equilibrata, con tanti piloti veloci e molte squadre valide, e noi vogliamo garantirci un posto sul podio. La GSX-RR 2022 adotta una base tecnica simile a quella della moto dello scorso anno ma con alcuni aggiornamenti fondamentali, specie per quanto riguarda le prestazioni del motore. Abbiamo cercato di mantenere la grande gestibilità della nostra moto, che è sempre stata ottima sia tra le curve sia in termini di stabilità, aumentando nello stesso tempo la potenza erogata. Grazie al contributo di tutti gli ingegneri in Giappone e in Europa ci sembra di aver ottenuto questo risultato e ora è giunto il momento di verificarlo in pista con i nostri piloti.”

News correlate

luglio 24, 2020

Con l’entrata in vigore degli incentivi statali sull’acquisto delle auto Euro 6, l’intera gamma Auto di Suzuki è ora proposta a co...

Automotive Green Suzuki