giugno 10, 2021 - Suzuki Marine

Press test drive: tre Suzuki DF300B per il nuovo Cap Camarat 12.5 WA

cover

Una tripla installazione #Suzuki #df300b, gli unici 300HP presenti sul mercato dotati di sistema propulsivo con doppia elica controrotante, per mettere alla prova le qualità marine dell’ammiraglia della gamma #capcamarat di Jeanneau, #capcamarat 12.5 WA

Marine Wizard, official dealer #suzukimarine e Jeanneau, ospiterà a Marina degli Aregai (Santo Stefano al Mare - IM), il test drive per la stampa del nuovo #capcamarat 12.5 WA, motorizzato per l’occasione con una tripla installazione di #Suzuki #df300b, l’unico fuoribordo da 300HP presente sul mercato ad avere il sistema di propulsione a doppia elica controrotante (Suzuki Dual Prop). Si tratta di una tecnologia introdotta per la prima volta in commercio col lancio del #Suzuki DF350A, paragonabile alla trazione integrale nelle auto, perché dà ai fuoribordo grande “grip” – cosa che consente di scaricare meglio in acqua l’abbondante coppia erogata dall’unità termica da 4.390 cc a tutti i regimi - rendendoli adatti a ogni tipo d’imbarcazione, ma ancor più apprezzabili quando vengono montati su scafi di dimensioni e dislocamento importanti, proprio come il #capcamarat 12.5 WA.

IL MOTORE DEL TEST: #Suzuki DF300B
Robustezza, facilità d’uso e versatilità, sono stati i punti focali che hanno condotto i tecnici #Suzuki a sviluppare il concept del #df300b. Tutto ciò che riguarda la parte immersa del fuoribordo, cioè #Suzuki Dual Prop, la scatola del cambio, la forma del piede ed eliche, è stato frutto di una progettazione integrata che ha portato rilevanti benefici.

Grazie all'innovativo sistema dell'elica controrotante, la coppia erogata del motore è ripartita in egual misura su due eliche. Conseguentemente, è stato possibile ridurre il diametro dell'ingranaggio che le muove, consentendo la progettazione di una scatola del cambio anch’essa più piccola, così come l’ogiva che la contiene, rendendo alla fine l’insieme del piede più efficiente sotto il profilo idrodinamico. Utilizzando sistemi di fluidodinamica computazionale (CFD) e a seguito di molti test, non solo si è riusciti a minimizzare la resistenza all’avanzamento, ma anche a convogliare un flusso d’acqua meno turbolento alle eliche, massimizzandone il rendimento.

Nel progettare il piede del motore è stato anche affrontato l’aspetto del raffreddamento dell’unità termica con l’obiettivo di ottimizzarne l’efficacia a tutte le andature, combinando l’azione di una piccola pompa dell'acqua con la pressione dinamica dei flussi esercitata sui fori d’immissione d’acqua sul piede. Normalmente sui fuoribordo questi sono posti lateralmente, ma quando la velocità aumenta la pressione dell'acqua sui fianchi del piede si riduce, rendendo l’aspirazione più difficile. Sul #df300b, invece, le prese d'acqua sono poste sulla parte frontale del piede, al vertice dell’ogiva che contiene la scatola ingranaggi, dove col moto si concentra maggiore pressione dinamica, e ciò aiuta ad aspirare la giusta quantità acqua in ogni condizione, anche ad altissima velocità.

La geometria della pala dell'elica è stata anch’essa ottimizzata per accrescere il rendimento nella configurazione Dual Prop – due eliche da tre pale ciascuna - garantendo incredibile grip e accelerazione su tutto il range di potenza erogata dal motore. Studi che, per altro, sono stati poi utilizzati da #Suzuki per realizzare una nuova generazione di eliche disponibili anche per i propri fuoribordo ad alte prestazioni monoelica – da 150 a 300 HP - denominata Watergrip, che segna lo stato dell’arte in materia.

Un ulteriore vantaggio del sistema è l'eccezionale stabilità garantita nel mantenimento della rotta, possibile perché ogni elica, ruotando in direzione opposta, compensa gli effetti evolutivi dell’altra. Si genera così una spinta sostanzialmente neutra, fattore che potrà essere apprezzato dal pilota sia con la marcia avanti innestata sia a marcia indietro, favorendo manovre impeccabili anche a lento moto.

Il #Suzuki #df300b si basa sul blocco motore sei cilindri da 4,4 litri del DF350A, che ne fa l’unità termica di maggior cubatura fra i V6 da 300 HP oggi presenti sul mercato. Proprio in virtù della sua cilindrata offre valori di coppia da primo della classe e, grazie al rapporto di compressione di 10,5:1, anche un notevole risparmio di carburante e grande affidabilità.

Altra fiche tecnica da sottolineare, che rafforza l’unicità del #Suzuki #df300b, è data dal sistema di aspirazione di cui è dotato, anche in questo caso mutuata dal più grande DF350A.

Per poter sfruttare al meglio le potenzialità della meccanica, è stato infatti creato un efficace sistema di filtraggio dell’aria immessa dalla calandra e poi trasferita attraverso condotti fino al collettore d’aspirazione. Il Dual Louver System - incorpora nella calandra un doppio filtro composto da lame, ciascuna progettata con una forma precisa, detta “dog-leg”, a zampa di cane, che aiuta a rimuovere impurità dall'aria aspirata e impedisce che l’umidità sia assorbita nella calandra anche sotto forma di finissimo spray - e il Direct Intake System di #Suzuki – condotti di aspirazione di nuova concezione e forma - non solo riescono a togliere umidità dall’aria aspirata, ma portano ad abbassare la temperatura dell’aria, rendendola più densa e migliorandone le doti come comburente.

Suzuki ha poi accresciuto l’efficienza nell’utilizzo del carburante. Il combustibile iniettato nei cilindri, infatti, vaporizza e ha anche il compito di raffreddare il cilindro. Per ottenere la massima efficienza è necessario iniettare il 100% della benzina in un preciso istante e con un determinato angolo nella camera di combustione. Per raggiungere lo scopo #Suzuki ha sviluppato un sistema d’immissione del carburante ancora più preciso e puntuale, il Dual Injector, basato sulla tecnologia a doppio iniettore. Utilizzando due iniettori più piccoli in luogo dei tradizionali, si arriva a raggiungere la precisione necessaria, oltre che ottenere una migliore vaporizzazione.

Il sistema d’iniezione, gestito elettronicamente, è anche in grado di riconoscere il tipo di carburante utilizzato e il suo numero di ottani - è un indice rappresentativo della resistenza alla detonazione di un carburante per motori a scoppio – autoregolando tutti i parametri per garantire una combustione sempre perfettamente efficiente anche con benzina da 91 RON (benzina normale), oltre che da 95 RON (benzina super) e da 98 RON (benzina super plus). Ciò significa che ovunque si faccia rifornimento, in qualsiasi distributore di qualsiasi parte del mondo, il #df300b opererà sempre perfettamente senza cali nelle performance.

Sempre grazie all’elettronica raffinata, che sovraintende al funzionamento del V6, il #Suzuki #df300b è dotato del Lean Burn, ovvero il sistema a combustione magra che accomuna questo modello alla gamma fuoribordo #Suzuki a partire dal 9.9 cv (DF9.9B). Utilizzando una rete di sensori che misurano istante per istante una serie di parametri del motore, quali il carico cui è sottoposto, l’apertura del gas ecc. e i dati ambientali, il sistema è in grado di calcolare in anticipo e con straordinaria precisione quanta benzina deve essere immessa dal sistema di iniezione all’interno delle camere di combustione, rispetto alla quantità di aria necessaria affinché la combustione stessa risulti quanto più efficiente, ottimizzata.; in due parole: + aria - benzina. Ciò garantisce un risparmio di carburante che, specie a velocità costante, in crociera, può raggiungere valori molto interessanti, fino al 14% in meno, diminuendo altresì la quantità di CO2 prodotta con beneficio per l’ambiente.

Fondamentale per ottimizzare il funzionamento del motore è la tecnologia Variabile Valve Timing (VVT, la distribuzione a variazione continua delle valvole d'aspirazione) di cui è dotato il nuovo fuoribordo #Suzuki, utilizzata per variare la tempistica dell’alzata delle valvole di aspirazione: ai regimi medio/bassi ne anticipa l’apertura prima che le valvole di scarico siano completamente chiuse, creando così una temporanea sovrapposizione in cui entrambi i set di valvole restano aperti. Con il VVT tale momento può essere aumentato o diminuito, modificando il tempo di aspirazione e creando così un timing sempre ottimale, grazie alla quale beneficia di una coppia maggiore, notevole anche a regimi medio-bassi, da cui consegue un notevole miglioramento dell’accelerazione.

Oltre a queste tecnologie, ricordiamo brevemente cosa porta in dote il nuovo #df300b rispetto alla gamma Suzuki

SUZUKI PRECISION CONTROL
Questo sistema tecnologicamente avanzato, si basa sulla tecnologia drive-by-wire, grazie alla quale sia la marcia sia il gas sono gestiti elettronicamente e non più da cavi, eliminando attrito e resistenza nei comandi. Utilizzare la leva diviene così un’esperienza di governo estremamente immediata e precisa, in grado di garantire un feeling migliore soprattutto a bassa velocità e quindi specie in manovra in acque ristrette, come quelle di una marina. Il sistema è configurabile per installazioni singole, doppie, triple o quadruple, e per le imbarcazioni che prevedono una doppia stazione di governo.

CATENA DI DISTRIBUZIONE AUTO-REGOLABILE
La catena di distribuzione funziona in un bagno d’olio ed è regolata da un tenditore idraulico automatico, risultando così sempre lubrificata e regolata correttamente. Una soluzione semplice, efficace e che non richiede manutenzione.

SUZUKI TROLL MODE
Il sistema Troll Mode assicura una selezione accurata del numero di giri del motore ai bassi regimi, dando la possibilità di mantenere una velocità costante della barca durante la pesca a traina. Quando il sistema è attivato, il controllo del numero dei giri passa attraverso un comando indipendente che regola il regime del motore con incrementi di 50 giri/min., su un intervallo che va dal minimo a 1.200 giri/min. Il sistema include, oltre al tachimetro compatibile sia con la nostra strumentazione digitale SMIS sia con quella analogica a doppia scala, un interruttore di controllo che può essere montato praticamente ovunque sulla console di guida.

ALTERNATORE AD ALTA CAPACITÀ
Le barche moderne sono equipaggiate con un gran numero di apparati elettronici che richiedono molta energia per poter essere alimentati contemporaneamente. Perciò gli ingegneri #Suzuki hanno dotato il #df300b di un alternatore in grado di erogare un massimo di 54 Ampere (12V) già a partire dal regime di 1.000 giri/min, energia sufficiente per soddisfare ogni evenienza.

SISTEMA DI CARICA BATTERIE A DOPPIO CIRCUITO
Il #df300b ha un sistema di carica a doppio circuito che può essere utilizzato * negli impianti a doppia batteria spesso presenti sulle grandi barche. In presenza di tale configurazione, il sistema è progettato per caricare contemporaneamente sia la batteria principale sia l’ausiliaria, ma su circuiti indipendenti. Così è possibile dedicare la seconda batteria all’alimentazione dell'elettronica o dei servizi di bordo, e mantenere la batteria principale completamente carica per avviare il motore.

* L'utilizzo di questo sistema richiede l'acquisto di un cablaggio opzionale.

SENSORE DI BATTITO IN TESTA
Il sensore di battito in testa controlla la combustione per fornire alla centralina elettronica (ECM) le informazioni necessarie per una gestione puntuale del motore, garantendo prestazioni ottimali. Oltre a massimizzare la potenza, il sistema aiuta anche ad aumentare la durata del motore.

FINITURA ANTICORROSIONE SUZUKI
La finitura anticorrosione è appositamente formulata per aumentare la durata del motore e proteggerne ogni parte, specie quelle costantemente esposte all'acqua, salata e non. Tale speciale finitura assicura la massima aderenza del rivestimento alla superficie in lega di alluminio con la quale è realizzato il motore, creando un’efficace barriera contro la corrosione.

FUNZIONAMENTO PIÙ EFFICIENTE E PULITO
I nostri avanzati motori fuoribordo 4 Tempi sono conformi agli standard emessi dal Parlamento Europeo (RCD II) – Directive 2013/53/EU - e hanno ricevuto la valutazione di tre stelle Ultra Low Emission dal California Air Resources Board (CARB).

LA BARCA DEL TEST: #capcamarat 12.5 WA
Cap Camarat 12.5 WA, novità 2021, è al vertice della gamma #capcamarat, storica per Jeanneau – sono oltre 20.000 le unità prodotte finora con questo nome, suddivise in oltre 40 modelli tutti rigorosamente fuoribordo – oggi composta da 12 modelli compresi fra i 5,5 metri dell’entry level, #capcamarat 5.5 CC, e questo day cruiser che misura 11,90 metri di lunghezza fuori tutto per 3,58 di larghezza.

Progetto navale di Michael Peters Yacht Design – una delle migliori firme nella progettazione di carene per barche a motore, per questo modello ha disegnato linee d’acqua a V molto sportive, anche senza l’adozione di redan – yacht design di Sarrazin Design – in oltre 15 anni di collaborazione con Jeanneau ha firmato numerose barche di successo come Leader 605 e 705, Merry Fisher 805, oltre a diversi #capcamarat, compreso il primo #capcamarat 625 e il più recente #capcamarat 10.5 WA S2 - il #capcamarat 12.5 WA si pone all’attenzione degli appassionati, certamente per la sua versatilità. Ciò è frutto di un layout di coperta tipo walkaround, ossia con tuga ristretta per consentire piena fruibilità anche nella porzione prodiera dello scafo. In tal modo la barca mette a disposizione dei propri ospiti, due gradevoli aree esterne estremamente conviviali, progettate e arredate con cura.

Il pozzetto, una godibilissima area adatta a qualsiasi attività, si caratterizza per la presenza con un comodo sofà a L, attiguo alla porta dalla quale si accede direttamente alla plancia poppiera, dedicata alle attività balneari. A rendere il pozzetto ancor più vicino e integrato col mare, è la murata apribile e ribaltabile, a comando elettrico, posta sul suo lato sinistro. Abbattendola, diviene di fatto una seconda piattaforma da bagno molto sicura, situata lontana dai motori.

Proprio la citata conformazione della tuga a prua, ha consentito di ricavare un vero e proprio secondo pozzetto che dispone di un tavolino e tre ampi lettini prendisole.
Elemento centrale di questa che, visti gli spazi, può essere definita una “party boat”, è la cucina esterna, funzionale e al contempo in grado di rendere ancor più conviviale la vita di bordo.

Grande enfasi è stata conferita alla plancia di guida del #capcamarat 12.5 WA - ergonomica e tanto ampia da poter contenere una dotazione di schermi e strumentazione completissima - che è servita da tre poltrone dedicate al pilota e ai suoi ospiti. Questa unità è equipaggiata con 2 schermi #Suzuki SMD e con l’ultima generazione di flap Zipwake.

Fra gli optional immancabili, da segnalare il T-Top previsto da Jeanneau a copertura del cockpit di guida con struttura in acciaio inox, al quale possono essere integrati dei tendalini o bimini, in grado di dare ombra ai due citati pozzetti.

Gli interni di questa imbarcazione sono sorprendenti per come è stato sfruttato lo spazio e anche per il livello dell’allestimento, da yacht di lusso.
Il #capcamarat 12.5 WA presenta un ampio vano di prua, con dinette che si trasforma in cuccetta, e una superba cabina di poppa privata, una vera armatoriale con letto king size, divano come eventuale posto letto aggiuntivo, e vista sul mare.
La cucina interna, che offre privacy a bordo, è attrezzata con frigorifero, cucina e spazio cambusa.

Scheda Tecnica
Lunghezza f.t. m 11.93 – baglio massimo m 3.57 – dislocamento a vuoto kg 7230 – riserva carburante l 1150 – riserva acqua l 200. Motorizzazione della prova 3x300 HP Suzuki
DF300B

SUZUKI ITALIA SpA
Ufficio Stampa e PR Corporate
Tel 011 9213711
prf@Suzuki.it

Seguici su Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Google+

News correlate

Fuori produzione

febbraio 20, 2019

- Attraverso l’iniziativa benefica “Suzuki è Sport”, la Casa di Hamamatsu ha distribuito 40.000 Euro tra 15 associazioni sportive ...

Automotive Sport Nautica Suzuki