ottobre 26, 2018 - Suzuki Moto

SUZUKI BONUS TRACK: le agevolazioni per chi correrà con Suzuki GSX-R nel 2019

cover

Suzuki Italia supporterà i team e i piloti che decideranno di affrontare la stagione di corse 2019 in sella a una GSX-R1000/R.

Gli aiuti vanno dagli sconti sull’acquisto di #moto, ricambi e accessori, alla messa in palio di un ricco programma di bonus per chi otterrà i migliori piazzamenti nel Campionato Italiano Velocità e nel National Trophy 1000.

Da quando è stata lanciata nel 2017, l’attuale Suzuki GSX-R1000 ha raggiunto traguardi molto importanti. Sul mercato si è affermata come la sportiva più iconica e più ambita dagli appassionati, mentre in pista ha ottenuto podi a ripetizione, con numerose vittorie a livello internazionale. Questi risultati testimoniano le qualità e il potenziale in termini prestazionali del suo progetto e hanno spinto nel 2018 molti piloti a scegliere di gareggiare con una #gsxr. Le soddisfazioni non sono mancate di nuovo e così per il 2019 Suzuki Italia ha deciso di cavalcare l’onda di questi successi e di attivarsi per far sì che correre con una GSX-R1000/R sia più facile e vantaggioso, quale che sia il campionato scelto.

Un aiuto concreto

Se da una parte Suzuki Italia ha creato RYUYO, dedicandola anche a chi non ha necessariamente un team strutturato alle spalle e necessita di un prodotto già pronto gara, dall’altra ha studiato un piano per offrire le migliori condizioni ai concessionari e ai team privati che sceglieranno di competere con una GSX-R1000/R, preferendo svilupparla autonomamente.

Il progetto si articola su quattro punti cardine:

Prezzo speciale per l’acquisto della moto

Prezzo speciale per l’acquisto di ricambi e accessori

“SUZUKI BONUS TRACK” fino a 9.000 euro per gara

Supporto diretto di Dunlop

Per quanto riguarda la scontistica, Suzuki Italia ha pensato di concedere agevolazioni più consistenti a chi parteciperà ai campionati maggiori, chiamati di Categoria A. Il riferimento è al Mondiale Endurance - WEC, al Campionato Italiano Velocità - CIV e al National Trophy 1000, ma anche per gli altri trofei di Categoria B è assicurato un risparmio notevole sui prezzi di listino.

Per i soli team che correranno i campionati di Categoria A Suzuki ha inoltre previsto condizioni speciali per l’acquisto di due kit Yoshimura, uno pensato per la classe STK e uno, più completo, per le classi OPEN. Entrambi i pacchetti sono composti da componenti di qualità incredibile, capaci di portare a un livello di assoluta eccellenza la competitività della GSX-R1000/R.

Per la stagione 2019 sarà messo in palio anche un ricco programma di supporto in denaro, fino a 9.000 euro per gara, dedicato a chi correrà con Suzuki il CIV e il National Trophy 1000. Attraverso l’iniziativa “SUZUKI BONUS TRACK”, in occasione di ogni gara saranno infatti premiate le prime 3 Suzuki classificate nella top ten del CIV e la prima nella top five del National Trophy 1000.

Per avere informazioni più dettagliate sulle condizioni di vendita applicate, le percentuali di sconto, l’ammontare dei bonus e le modalità di assegnazione, squadre e piloti possono contattare direttamente l’Ufficio Marketing di Suzuki Italia #moto alla mail mkm@suzuki.it oppure recarsi in uno dei Concessionari Ufficiali della rete Suzuki.

La stessa mail può essere utilizzata per avanzare la propria candidatura a diventare uno dei due team Suzuki supportati direttamente da Dunlop nel CIV 2019.

Le corse nel sangue

Le competizioni sono da sempre nel DNA della stirpe #gsxr. Lo dimostrano i 12 titoli vinti nel Campionato Mondiale Endurance, i 10 trionfi nell’AMA Superbike e i numerosi successi conseguiti alla 24 Ore di Le Mans come al Bol d’Or. L'attuale GSX-R1000 adotta molte raffinate soluzioni tecnologiche, in parte derivate dalla MotoGP, che ne definiscono l’anima #racing ed esaltano la spiccata vocazione alle corse. Un chiaro esempio viene dalla fasatura variabile delle valvole SR-VVT (Suzuki Racing-Variable Valve Timing), ereditata proprio dalla GSX-RR ufficiale. Il sistema adegua l’alzata e la fasatura delle valvole in funzione del regime del motore, combinando un’eccezionale elasticità a basso numero di giri a un allungo impetuoso agli alti.

La Suzuki GSX-R1000 assicura prestazioni impareggiabili in pista, risultando però sempre poco impegnativa e ben controllabile. Ciò vale chiaramente anche nell’uso stradale, nel quale il pilota può scegliere come sfruttare i 202 cv e i 117,6 Nm del motore Euro 4 selezionando una delle tre modalità di guida disponibili e modulando di conseguenza la risposta del quattro cilindri all’acceleratore ride-by-wire. Il comando del gas interagisce anche con il Motion Track TCS (Traction Control System), regolabile su 10 livelli e comandato dalla centralina ECU in base ai dati registrati dalla piattaforma inerziale, che rileva i movimenti della #moto sulle sei direzioni dei tre assi spaziali. L’ABS è chiaramente di serie e sulla GSX-R1000R è anche dotato di funzione cornering, che regola la frenata in curva tenendo conto dell'inclinazione della #moto. Le sospensioni sono Showa, con una forcella di tipo BPF sulla GSX-R1000 e una BFF con piastra superiore alleggerita sulla 1000R. Quest’ultima è equipaggiata inoltre di Launch Control, che aiuta a fare partenze fulminee, mentre il Quick Shift bidirezionale, prima appannaggio della sola versione top, diventa ora standard su tutti gli esemplari 2019. La R del nuovo model year si distingue inoltre per nuove tubazioni in treccia metallica per il freno anteriore e per un’asola nel telaio che permette di variare la posizione del perno del forcellone, in accordo con i nuovi regolamenti sportivi internazionali.

SUZUKI ITALIA SpA         

Ufficio Stampa e PR Corporate

Tel 011 9213711     

press@suzuki.it

Barbara Moscato

Katia Bertello

Immacolata Moretta

Marta Matta

Alessandro Berardi

Seguici su Suzuki Way of life! Facebook Twitter Instagram YouTube